Alternanza scuola lavoro

L’alternanza scuola – lavoro rappresenta una nuova metodologia didattica rivolta a tutti gli studenti del secondo biennio e dell'ultimo anno dei licei e prevede obbligatoriamente un percorso di orientamento utile ai ragazzi nella scelta che dovranno fare una volta terminato il percorso di studio. Ciò rende il sistema scolastico più aperto e flessibile, al fine di adeguare la risposta formativa all’evoluzione della società.
L’alternanza scuola-lavoro intende fornire ai giovani, oltre alle conoscenze di base, quelle competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro, alternando le ore di studio a ore di formazione in aula e ore trascorse all’interno delle aziende, per garantire loro esperienza “sul campo” e superare il gap “formativo” tra mondo del lavoro e mondo dell’istruzione in termini di competenze e preparazione.
Il periodo di alternanza scuola-lavoro, che coinvolge ciascuno studente, si articola in 200 ore, così ripartite:
  • 70 ore per le terze classi
  • 80 ore per le quarte classi
  • 50 ore per le quinte classi
L’Istituto Sacro Cuore ha attivato per l’anno scolastico 2016/ 17 4 progetti trasversali, a cui ogni studente poteva partecipare in base alla propria preferenza in termini di attitudini ed interessi.
Ciascun percorso di alternanza si divide in due fasi:
  • la prima afferisce alle attività proposte all’intera classe;
  • la seconda ha come obbiettivo la personalizzazione del percorso scelto da ogni singolo studente in linea con i propri interessi e propensioni.
Le attività proposte all’intera classe sono declinate in incontri con i responsabili di progetto per l’organizzazione globale del percorso aSL, incontri di conoscenza della normativa che regolamenta il lavoro e corsi di formazione di sicurezza sul lavoro per rischio medio con specialisti di settore.
I percorsi attivati per l'A.S. 2016-17 sono:
“Dal Filangieri al Filangoggi: un museo della città per la città”, come percorso artistico-culturale; grazie alla partnership con il museo Filangieri di Napoli è stata sviluppata una proposta progettuale che ha come obiettivo quello di avvicinare gli studenti al mondo dei musei e dei beni culturali, attraverso una connessione tra ciò che si apprende a scuola e quello che si può sperimentare accedendo ad un ambiente pratico di lavoro.
Inoltre la collaborazione con le istituzioni museali ha reso possibile un incontro con le professioni dei Beni culturali, accostando gli studenti alle problematiche di:
  • ricerca (bibliografia, materiale, archivistica)
  • documentazione (fotografia, riproduzione, rilievo)
  • tutela (restauro, monitoraggio, prevenzione e conservazione)
  • comunicazione (allestimento, narrazione, divulgazione anche in senso cinematografico e televisivo),
  • valorizzazione del nostro patrimonio artistico.
Il responsabile di progetto è il prof. Luca Manzo, insegnante di Storia dell’arte e della musica presso il Liceo Classico dell’Istituto Sacro Cuore.
“Vita da ricercatore” come percorso scientifico, realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, che ha messo a disposizione le strutture e le figure professionalizzanti di tre diversi laboratori, quelli di biologia, biochimica e microbiologia. Il percorso didattico attivato permette di avvicinare gli studenti al mondo della ricerca scientifica, facendo acquisire loro competenze di autonomia, organizzazione e conoscenza in quest’ambito, che ha un ruolo fondamentale nell’innovazione del nostro Paese.
Le attività specifiche prevedono un primo approccio agli aspetti tecnici del lavoro da ricercatore, tramite lezioni frontali e laboratoriali presso l’Istituto Sacro Cuore, in presenza di ricercatori del campo umano e veterinario, sull’importanza della ricerca scientifica e delle pubblicazioni, dell’ambiente laboratoriale, del metodo scientifico e della pianificazione sperimentale.
In un secondo momento, tali attività si sono rivolte all’approfondimento degli aspetti pratici e professionalizzanti grazie all’accesso ad ambienti di ricerca scientifica di alto livello, presenti presso l’Ateneo napoletano, sotto la supervisione dei docenti Donnarumma, Schiraldi e Minucci in qualità di tutor esterni, così da favorire l’apprendimento delle competenze tecniche in modo esperienziale.
La responsabile di progetto è la prof.ssa Laura Attanasio, insegnante di Scienze naturali, chimiche e biologiche del Liceo Scientifico dell’Istituto Sacro Cuore.
“Arduino: il bar di Ivrea” come percorso tecnico-pratico, in cui è stata utilizzata una scheda Arduino per realizzare una stazione di rilevazione meteo. Si tratta di una proposta di impresa simulata, ideata e realizzata nei laboratori dell’istituto, che ha dato vita ad un prototipo tecnico di grande rilevanza didattica. Inoltre la stessa scheda è stata utilizzata per simulare il controllo delle luci semaforiche degli incroci stradali, con un rilevatore di presenza di autoveicoli finalizzato ad ottimizzare il flusso stradale. Il laboratorio ha consentito agli studenti di:
  • analizzare un problema di natura logica e trasformarlo in un diagramma a blocchi
  • Programmare in C
  • Cablare la scheda e controllarla dal punto di vista elettronico
  • Condividere conoscenze e risultati sui canali web e nuove tecnologie
Il progetto si è tenuto sotto la supervisione del responsabile di progetto il prof. Mario Urciuoli, insegnante di fisica presso i licei classico e scientifico dell’Istituto sacro Cuore, e del tutor esterno ing. Domenico Caggiano, ingegnere informatico.
“Dal campo alla panchina: orientarsi nel calcio” come percorso sportivo. Questo progetto, in collaborazione con la SSD Europa, nasce dalla volontà di avvicinare i giovani al mondo dello sport, al fine di sviluppare competenze spendibili nel mondo del lavoro.
Gli studenti hanno avuto la possibilità di maturare delle conoscenze e delle competenze del mondo del calcio attraverso:
  • l’insegnamento teorico delle competenze pedagogiche e relazionali intrinseche nel lavoro dell’istruttore sportivo.
  • insegnamento teorico delle capacità fisiche-motorie e dello sviluppo del giovane calciatore.
  • insegnamento teorico dei fondamentali tecnico-tattici del calcio.
  • tirocinio curriculare presso la struttura sportiva, con impegno pratico nello svolgimento della mansione di aiuto allenatore.
Il responsabile di progetto è il prof. Moreno Giacobbe, insegnante di scienze motorie e sportive dei licei dell’Istituto Sacro Cuore.